Home » Biscotti » Mustaccioli

Mustaccioli

Posted by Dic 22,2014 0 comments

Mustaccioli

Mustaccioli.

Cronaca di una giornata all’insegna della tradizione.

Oggi si è svolto a Santeramo il primo, di tanti appuntamenti, che l’associazione Santeramo trepuntozero sta organizzando. Il tema di oggi erano le ” mustazzedd ” biscotti con noci e cotto di fichi. Dolce che più tradizionale non si può!!! Un ringraziamento particolare va a due simpaticissime signore Anna e Francesca che hanno condiviso con noi i loro “segreti”. E come ogni corso che si rispetti avevamo anche lo sponsor, un azienda locale, Sensi di Puglia, che voglio ringraziare visto che grazie a loro è stato tutto possibile.

Ingredienti :

  • 1 kg di farina oo
  • 250gr di zucchero
  • 200gr di olio di oliva
  • 2 uova
  • 20gr di ammoniaca per dolci
  • mezza tazzina da caffè di latte ( per sciogliere l’ammoniaca )
  • 2 bicchieri abbondanti di cotto di fichi
  • 150gr di cioccolato fondente a pezzi
  • 300gr di noci a pezzi

Preparazione :

Iniziamo subito con lo spezzettare le noci e il cioccolato, in pezzi non troppo piccoli.

In una ciotola abbastanza capiente versiamo la farina setacciata, lo zucchero, le uova e l’olio. Iniziamo a mescolare il tutto.

Adesso aggiungiamo le noci, il cioccolato e il cotto. La quantità del cotto varia in base al gusto personale. Se si vuole un biscotto più morbido, allora dobbiamo abbondare con il cotto di fichi e ottenere un impasto molto morbido. Il risultato saranno biscotti un pò più bassi e schiacciati. Se vogliamo un biscotto più alto e meno morbido allora usiamo meno cotto di fichi e impastiamo in maniera più consistente (sono buoni in qualsiasi versione!). DSCF8947Adesso siamo pronti a formare i nostri mustaccioli. Con un cucchiaio preleviamo un pò d’impasto e con l’aiuto delle dita versiamo direttamente sulla placca formando una palla più o meno regolare della grandezza di una grossa noce.

 

DSCF8950Inforniamo a 180° per 15minuti. Per la verità questi li abbiamo infornati in un vero forno a legna, ma so benissimo che questo non è sempre possibile sopratutto per chi non vive a Santeramo. Quindi il nostro forno casalingo andrà benissimo. Sfornate e inebriatevi del loro profumo. Di un buono che non potete capire.

Un grazie speciale va a Gianluca Laselva l’ideatore di questa meravigliosa avventura.

Buon appetito.

 

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field