Home » Dessert » Gnocchi di susine

Gnocchi di susine

Posted by Feb 02,2018 18 comments

Gnocchi di susine

 

Gnocchi di susine

 

La gastronomia Giuliana non è ricchissima di dolci e sono quasi tutti preparati con frutta secca. La ricetta che vi voglio far conoscere è alquanto originale, non per la preparazione, abbastanza semplice, ma perché qui a Trieste non ha una vera e propria collocazione nel menù. Infatti in alcuni ristoranti vengono serviti come primo piatto, in altri come dessert! Per me comunque sono e saranno sempre un buonissimo dolce, il primo che ho mangiato in questa città e quindi mi ricorda il mio battesimo culinario, come Trieste mi ha accolta.

Ingredienti per circa 15 gnocchi :

  • 500 gr di patata bollita
  • 1 uovo
  • 200 gr di farina bianca 00
  • 50 gr di burro fuso
  • 1 pizzico di sale

Per il ripieno :

  • 15 susine fresche o sciroppate ( oppure confettura di prugne )
  • burro circa 40 gr
  • zucchero circa 40 gr
  • pangrattato circa 40 gr
  • cannella q.b.

Per il condimento :

  • 100 gr di burro
  • 50 gr di pangrattato
  • 50 gr di zucchero di canna
  • cannella q.b.

Preparazione :

Lessate le patate e sbucciatele. Schiacciatele con lo schiacciapatate, salatele e lasciatele raffreddare. Quando si saranno raffreddate, aggiungete un uovo,il burro,il sale e la farina. La quantità di farina dipende delle patate, se l’impasto risultasse umido, aggiungere altra farina. Nel frattempo avrete snocciolato le prugne, che devono rimanere intere ( io ho usato quelle sciroppate, ma potete tranquillamente usare della confettura di prugne). Mettete le prugne in una terrina ed aggiungete una buona quantità di zucchero e cannella. Mescolate con le mani e fate in modo che lo zucchero vada anche dentro alle prugne. Lasciate riposare. A questo punto prendete l’impasto per gli gnocchi, con un mattarello, stendete la pasta e con un bicchiere formate dei dischi. Prendete un disco nel palmo della mano e appoggiateci sopra una prugna. Chiudete la pasta dello gnocco, formando delle palline.

Formate tanti gnocchi quante sono le prugne e cuoceteli in acqua salata cinque o sei alla volta. Saranno cotti non appena verranno a galla. Gli gnocchi vanno poi conditi con il pangrattato che andrà saltato in padella con il burro, lo zucchero e tanta cannella.

  

Vanno serviti caldi e ricoperti di abbondante pangrattato,zucchero e cannella!

 

Con questa ricetta partecipo all’appuntamento mensile con L’Italia nel piatto, il tema di questo mese sono le ricette che scaldano il cuore.

 

Ecco le altre proposte delle mie amiche blogger, una per ogni regione d’Italia :

Piemonte: Torcetti al burro http://www.fiordipistacchio.ifood.it/…/torcetti-al-burro.ht….

Liguria: ravioli ai carciofi https://arbanelladibasilico.blogspot.com/…

Lombardia: Torta del Paradiso http://www.kucinadikiara.it/2018/02…

Trentino Alto Adige: Marmor-Kuchen altoatesina – http://www.dolcementeinventando.com/…

Veneto: I crostoli della nonna https://www.ilfiordicappero.com/2018/02/crostoli.html

Emilia Romagna: I bassotti https://zibaldoneculinario.blogspot.com/…

Toscana: Torta della nonna https://acquacottaf.blogspot.com/20…

Molise: Pasticcio di pollo in crosta https://blog.cookaround.com/gildabi…

Campania: I taralli all’uovo di nonna Natalia https://fusillialtegamino.blogspot.it/2018/02/i-taralli-alluovo-di-nonna-natalia-e-le.html

Calabria: Minestra cu a nduda https://ilmondodirina.blogspot.it/2018/02/minestra-cu-nduda.html

Sicilia: Biancomangiare – http://www.profumodisicilia.net/2018/02/02/biancomangiare/

Sardegna: Culungionis de pappai biancu ( Ravioli di mangiar bianco ) https://dolcitentazionidautore.blogspot.it/2018/02/culungionis-de-pappai-biancu-ravioli-di.html

Valle d’Aosta: Seupetta de Cogne http://www.acasadivale.ifood.it/201…

Marche: Frittelle di mele http://www.forchettaepennello.ifood.it/2018/02/frittelle-di-mele.html

Umbria: Le ricette della nonna https://www.dueamicheincucina.it/20…

Lazio: Maritozzo con la panna https://www.silviaferrante.com/2018…

Abruzzo: Pasta e fagioli http://ilmondodibetty.it/pasta-e-fagioli/

Puglia: Cime di rape stufate https://breakfastdadonaflor.blogspot.com/…

Basilicata: Lagane e ceci http://blog.giallozafferano.it/lalu…

18 Responses to :

  1. Quante cose si scoprono in giro per l’italia… buonissime e golosissime… ne addenterei volentieri una! A presto LA

  2. Natalia 02/02/2018

    Che ricetta particolarissima. Mi piacerebbe tanto provare questi gnocchi con le susine.

  3. Elena 02/02/2018

    conosco bene i vostri gnocchi di susine, sono di un buono !!!
    ho provato anche a cucinarli … non sono semplici ma ne vale la pena! bravissima!

  4. elisa 02/02/2018

    dev’esser buonissimo!!! mi ispira molto!
    ciao
    elisa

  5. milena 02/02/2018

    deliziosi e molto particolari i tuoi gnocchi di prugne!
    stavo leggendo un pizzico di te…anche tu pugliese! ma pensa mio marito tanti anni fa ha lavorato in trasferta a Trieste per un anno facendo il pendolare e in quel periodo una volta sono salita anch’io su a Trieste!
    un abbraccio

  6. Chiara 02/03/2018

    Che meraviglia questi gnocchi! Sai che non li conoscevo proprio?! C’è sempre da imparare da questa rubrica! Complimenti per la splendida ricetta!

  7. Laura De Vincentis 02/03/2018

    Adoro gli gnocchi di susine, da piccola avevo un fidanzatino che aveva la mamma friulana e quando preparava questi gnocchi era sempre una festa! Grazie per aver postato la ricetta. Voglio proprio provare a rifarli. Buona giornata

  8. edvige 02/03/2018

    Si cercano sempre i susini freschi piccoli ed al posto del nocciolo si mette un pò di zucchero. altrimenti con quelli grandi gli gnocchi sarebbero enormi. Risalgono al periodo austro-ungarico. In Austria oltre aiu susisni ci sono anche quelli con le albicocche “Marillenknoedel”. Usualmente molti condiscono gli gnocchi solo con burro e tanta cannella altre solo pane grattugiata senza o con. Ormai non cè una linea unica. A me piacciono con poco condimento, pane grattuguato e poca cannella quasi niente zucchero. Buon fine settimana.
    (PS. Scrivere qui il commento è difficile non si vede quasi per niente cosa si scrive per cui forse ho fatto più di un errore di battuta, vedi solo se passi sopra con il mouse).

  9. zucchero 02/05/2018

    Ciao Edvige, ormai sei la mia enciclopedia culinaria vivente!!!

  10. zucchero 02/05/2018

    Laura De Vincentis, provali e fammi sapere!

  11. zucchero 02/05/2018

    Chiara è vero, non si finisce mai di imparare!

  12. zucchero 02/05/2018

    Milena, se torni a Trieste ti offro un caffè !

  13. zucchero 02/05/2018

    Cara Elisa, sono veramente buoni, devi provarli!

  14. zucchero 02/05/2018

    Elena in effetti li ho rifatti diverse volte prima di trovare la giusta combinazione, ma ne vale la pena!

  15. zucchero 02/05/2018

    Natalia devi provarli assolutamente!

  16. zucchero 02/05/2018

    Piccolalayla allora ti aspetto e te ne offro una!

  17. barbara 02/07/2018

    Davvero particolari, mi piacerebbe assaggiarli

  18. zucchero 02/08/2018

    Ciao Barbara, te ne offro uno molto volentieri!

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • Un pizzico di me

    Mi chiamo Gabriella, sono pugliese ma ormai da anni vivo a Trieste. Questo blog vuole essere un contenitore di tutte le mie ricette, vecchie e nuove, dei miei esperimenti culinari e di tutto quello che ho imparato. Ma soprattutto di quello che la vita mi vorrà ancora insegnare. Unico ingrediente che andrà ad amalgamare il tutto sarà il rispetto. Rispetto per il cibo, la sua stagionalità e la semplicità nel prepararlo. Non sono uno chef e ne mai lo sarò, sono solo un’amante della buona tavola e del buon vino che ha voglia di condividere questo con il mondo. Buon appetito e buona vita a tutti.
  • Join Socials

  • Articoli recenti

  • Commenti recenti

  • Le Bloggalline


  • L’Italia nel piatto

     

  • Associazione Italiana Foodblogger