Home » Secondi » Frico friulano

Frico friulano

Posted by Mag 02,2018 8 comments

Frico friulano

 

Frico

Come ogni mese vi presento un piatto tipico del Friuli Venezia Giulia. Il tema di maggio è il formaggio ( la rima non è un caso) e quindi era un dovere preparare il frico, il re delle pietanze friulane a basa di formaggio, in questo caso il Montasio.

La ricetta ha pochi ingredienti, quindi la loro qualità è assolutamente fondamentale. Il frico è un secondo piatto o un piatto unico e viene servito con la polenta. È un piatto che arriva dai monti della Carnia dove in passato, e ancora oggi, veniva usato per consumare i resti di formaggio e creare un piatto del riciclo di una bontà straordinaria. Il frico infatti viene preparato con patate, cipolle e formaggio, mescolati insieme e cotti in una padella per creare una sorta di frittata con una crosticina croccante fuori e un cuore morbido e cremoso dentro. La ricetta originale del frico friulano prevede l’uso del formaggio Montasio Latterie Friulane di diverse stagionature.

Ingredienti per 4 persone :

  • 600 gr di patate lesse
  • 200 gr di Montasio fresco
  • 200 gr di Montasio stagionato
  • mezza cipolla bianca
  • olio evo
  • pepe macinato

Preparazione :

Prepariamo tutti gli ingredienti, prima di tutto sbucciamo e tagliamo a piccoli pezzi le patate. Versiamole in una pentola con acqua salata e cuociamole per circa 10 minuti. In una padella antiaderente, versiamo un filo d’olio e la cipolla tagliata finemente, aggiungiamo le patate ben scolate e, a fiamma bassa e mescolando con un cucchiaio di legno facciamo cuocere per una ventina di minuti o fino a quando la cipolla sarà ben stufata e le patate morbide e ben cotte. A questo punto versiamo nella padella i formaggi tagliati a piccoli pezzi e sempre mescolando li faremo sciogliere per bene creando un composto ben amalgamato.

Adesso che i formaggi si sono sciolti, compattiamo il frico cercando di livellare per bene la superficie e alzando leggermente la fiamma, lasciamo che si formi una bella crosticina dorata. Giriamo il frico dall’altra parte e facciamo dorare entrambi i lati.

 

Serviamo subito,è ottimo mangiato caldo, magari con qualche bella fetta di polenta !

Adesso sbirciamo le proposte delle altre regioni italiane :

Valle d’Aosta: insalata di montagna con tomette di capra

Liguria : Pizza bianca al pesto

Piemonte :Patate alla savoiarda

Lombardia : I cannoli lodigiani

Trentino Alto Adige : Topfenknödel con salsa alle fragole

Veneto : Gnocchi con la fioretta

Emilia Romagna :  La sfogliata o torta degli Ebrei

Toscana : Cacio e baccelli

Umbria : Crostoni al pecorino con asparagi e guanciale

Lazio : Fave e Pecorino Romano Dop

Abruzzo : Fiadoni

Molise : Soufflé di caciocavallo molisano

Campania : La mozzarella di bufala campana

Puglia : Panzerotto con la ricotta asckuande

Basilicata : Canestrato di Moliterno con miele e noci

Calabria : Caciocavallo di Ciminà arrostito

Sicilia : Cacio all’Argentiera

Sardegna : Suppa cuata

8 Responses to :

  1. Natalia 05/02/2018

    Quanto adoro queste preparazioni! Una vera bomba di gusto.

  2. elisa 05/02/2018

    il frico è uno dei buoni motivi per venire da quelle parti!!!!!!
    ciao
    ellisa

  3. edvige 05/02/2018

    Buono ma molto grasso d’altra parte ci vuole ed i formaggi sono squisiti. Io secondo l’amica friulana ci metto i tre tipi di Montasio, fresco, semi stagionato e vecchio in proporzione ovvaiemnte. Buona giornata.

  4. elena 05/02/2018

    davvero molto invitante questa frittata formaggiosa!

  5. ne ho sempre sentito parlare ma mai assaggiato. devo provarlo

  6. Chiara 05/03/2018

    Ma sai che questa ricetta l’ho sempre vista nei libri di cucina, ma non l’ho mai assaggiata, nè cucinata? M’ispira un sacco! Complimenti!

  7. zucchero 05/07/2018

    Ragazze questa ricetta è super golosa, da provare assolutamente!!! Elisa , Ale, Chiara vi aspetto per provarla insieme!

  8. zucchero 05/11/2018

    Cara Edvige, hai ragione, la ricetta prevede tre stagionature, ma io la terza non l’ho trovata e mi sono accontentata!!!

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field