Home » Biscotti » Dolcetti lievitati

Dolcetti lievitati

Posted by Dic 07,2014 0 comments

Dolcetti lievitati

 

Dolcetti lievitati

Ingredienti :

  • 1 kg di farina 0 di media forza
  • 250g di zucchero
  • 200g di olio di oliva
  • 4 uova
  • lievito madre oppure 12g di lievito di birra
  • latte per impastare q.b.

Preparazione :

Questa è un’antica ricetta di un particolare tipo di biscotti che mi ha insegnato un’arzilla signora di 92 anni, la mitica “zia Antonietta”. Sono biscotti morbidi e gustosi, adatti sia per la colazione, ottimi nel latte, che come dolcetto di fine pranzo. Hanno una preparazione molto semplice ma una lunga lievitazione. Io li preparo la sera, li faccio lievitare tutta la notte e poi li inforno la mattina!!! Comunque partiamo con ordine, iniziamo a setacciare la farina in una ciotola, formiamo un cratere al centro e versiamo lo zucchero, le uova, l’olio e il lievito madre o il lievito di birra sciolto in mezzo bicchiere di latte. Lavoriamo il tutto aggiungendo un po’ di latte quanto basta a rendere la massa morbida ma soda, dobbiamo poter maneggiare l’impasto per formare dei filoncini di circa 10cm che uniremo all’estremità a formare delle piccole ciambelle. Una volta formati i biscotti li adagiamo su di una placca da forno ricoperta di carta forno e li lasciamo lievitare tutta la notte ( o almeno per 8 ore ). Quando avranno raddoppiato il loro volume li ricopriamo con un po’ di zucchero e li inforniamo a 180° per 20m o fino a doratura. Come potete vedere sono facilissimi e rimangono morbidi allungo. Credo che molte signore abbiano riconosciuto questi biscotti, nel mio paese, io sono di Santeramo in colle, li chiamano “le pastine cresciute”. Quando zia Antonietta mi ha regalato questa ricetta non ho resistito e ho provato subito a farli. Che dire, un tuffo nella mia infanzia. Mi sono tornati alla mente i profumi e i sapori di una volta quando comprare i biscotti dal super non era la normalità ma un evento, quando la mattina nel latte la mamma mi metteva le pastine che mi preparava con le sue amorevoli mani. Ora purtroppo fare i biscotti in casa è un lusso, per mancanza di tempo o di voglia, però ogni tanto sarebbe bello fermarsi, prendersi un momento e dedicarlo a queste cose. Non perdiamo le buone abitudini ma soprattutto non dimentichiamo le antiche ricette tramandate dalle nonne.

Buon appetito.

 

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • Un pizzico di me

    Mi chiamo Gabriella, sono pugliese ma ormai da anni vivo a Trieste. Questo blog vuole essere un contenitore di tutte le mie ricette, vecchie e nuove, dei miei esperimenti culinari e di tutto quello che ho imparato. Ma soprattutto di quello che la vita mi vorrà ancora insegnare. Unico ingrediente che andrà ad amalgamare il tutto sarà il rispetto. Rispetto per il cibo, la sua stagionalità e la semplicità nel prepararlo. Non sono uno chef e ne mai lo sarò, sono solo un’amante della buona tavola e del buon vino che ha voglia di condividere questo con il mondo. Buon appetito e buona vita a tutti.
  • Join Socials

  • Articoli recenti

  • Commenti recenti

  • Le Bloggalline


  • L’Italia nel piatto

     

  • Associazione Italiana Foodblogger