Home » Dessert » Corona di Pan brioche.

Corona di Pan brioche.

Posted by Nov 26,2017 2 comments

Corona di Pan brioche.

 

Corona di Pan brioche.

Il Natale è ormai alle porte ( ok manca un mese, ma io non vedo l’ora!) e io vi voglio proporre una bellissima idea per creare una corona di Pan brioche che renderà unica la vostra tavola delle feste. Oltre che molto bella e scenografica, questo Pan brioche è di una bontà unica. La ricetta mi è stata regalata da una mia amica, Angela .

Questa ricetta prevede l’uso del Licoli , nessuno vi vieta però di usare del lievito di birra, diminuendo però le ore di lievitazione.

Ingredienti per 2 corone :

  • 630 g di farina di forza ( w 320 )
  • 120 g di latte
  • 120 g di burro
  • 120 g di zucchero
  • 20 g di miele
  • 5 g di sale
  • 4 rossi
  • 4 bianchi leggermente sbattuti
  • 140 g di Li.co.li
  • buccia di un limone e mezza arancia
  • un bicchierino di rum

Per la farcia :

  • zucchero di canna e semolato q.b.
  • burro fuso circa 50 g
  • cacao amaro
  • uvetta ammollata nel rum circa 80 g.

Preparazione :

Prima di tutto dobbiamo usare un Li.co.li attivo e rinfrescato almeno tre volte. Iniziamo preparando il lievitino, mettendo in una ciotola il licoli, 180 g di farina presa dal totale, il latte e il miele. Amalgamiamo il tutto e lasciamo riposare almeno un’ora al calduccio.

Molto importante per la riuscita di questo impasto è la sequenza dell’inserimento degli ingredienti, non bisogna avere fretta, poco alla volta e seguendo il giusto ordine.

Versiamo nella planetaria il lievitino, qualche cucchiaio di farina, una parte dei bianchi che avremo leggermente sbattuto e azioniamo la planetaria usando la foglia. Proseguiamo con l’aggiungere un tuorlo e due cucchiai di zucchero, prima di inserire ancora farina e bianchi aspettiamo sempre che l’impasto abbia assorbito gli ingredienti precedenti. Dopo che avremo esaurito tutti gli ingredienti, aggiungere gli aromi e le scorze degli agrumi. A questo punto possiamo passare al gancio e togliere la foglia alla planetaria. Continuare ad impastare fino ad ottenere il velo e facendo attenzione a non superare una temperatura dell’impasto di 23°. Se l’impasto si dovesse riscaldare troppo , fermatevi, mettete la ciotola in frigo e fate raffreddare.

Ottenuto un impasto liscio e sodo ( possibilmente dobbiamo formare il velo all’impasto), copriamo la ciotola con della pellicola e lasciamo lievitare l’impasto per tutta la notte o almeno per 12/14 ore ad una temperatura costante di 25/26°. Passato questo tempo, l’impasto dovrà essere più che raddoppiato. Versiamo la massa su di un piano sporco di burro, per evitare che si attacchi e dividiamo in due. Prendiamo metà impasto e con l’aiuto di un matterello stendiamolo fino a formare un rettangolo abbastanza sottile.

Con l’aiuto di un pennello da cucina, stendiamo su tutta la superficie il burro sciolto. Sul burro versiamo lo zucchero di canna e quello semolato, le dosi sono soggettive, se volete un prodotto più goloso, abbondate pure! Con un setaccio versiamo un velo di cacao amaro e l’uvetta ammollata e strizzata.

Arrotoliamo su se stessa dal lato più lungo e formiamo un cilindro abbastanza stretto. Con un coltello molto affilato, tagliamo nel senso della lunghezza lasciandolo unito da una estremità. Non vi preoccupate se tenderà ad aprirsi e a perdere la farcia, in corso d’opera riusciremo a rimettere tutto all’interno!

Adesso prendiamo le due estremità divise e con molta delicatezza cerchiamo di intrecciarle e di formare un cerchio. Non è una operazione semplice, perché la farcia scapperà in ogni dove, ma credetemi, con molta calma si riesce. Per agevolare lo spostamento della corona nella teglia che poi andrà in forno, vi consiglio di fare questa operazione sul foglio di carta forno che poi andrà sulla teglia!

Formata la nostra corona, cercate di inserire nuovamente tutta l’uvetta che avrete perso durante questa operazione e posizionate al centro un bicchiere o una ciotola imburrata cosi’ da mantenere il foro centrale.

Coprite con della pellicola e lasciate riposare al calduccio fino al raddoppio.

Passato questo tempo, togliete il bicchiere dal centro e infornate a 170° per circa 40 minuti. Se si dovesse colorire troppo, coprite con carta argentata.

Questo impasto è veramente ottimo, morbido e profumato e rimane soffice per diversi giorni. Un dolce pensiero per la colazione di Natale.

2 Responses to :

  1. edvige 27 novembre 2017

    Buonissima cara ma sai io passo ma prendo nota per figlia forse lei la farà prima…o dopo e ci scappa l’angolino per me.
    Buona serata e settimana.

  2. zucchero 29 novembre 2017

    Edvige grazie !!!!

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • Un pizzico di me

    Mi chiamo Gabriella, sono pugliese ma ormai da anni vivo a Trieste. Questo blog vuole essere un contenitore di tutte le mie ricette, vecchie e nuove, dei miei esperimenti culinari e di tutto quello che ho imparato. Ma soprattutto di quello che la vita mi vorrà ancora insegnare. Unico ingrediente che andrà ad amalgamare il tutto sarà il rispetto. Rispetto per il cibo, la sua stagionalità e la semplicità nel prepararlo. Non sono uno chef e ne mai lo sarò, sono solo un’amante della buona tavola e del buon vino che ha voglia di condividere questo con il mondo. Buon appetito e buona vita a tutti.
  • Join Socials

  • Articoli recenti

  • Commenti recenti

  • Le Bloggalline


  • L’Italia nel piatto

     

  • Associazione Italiana Foodblogger